Il recupero crediti in Brasile

Nel corso del 2019 il numero delle aziende insolventi è destinato ad aumentare ulteriormente…

Il Brasile è sicuramente il Paese con cui l’Italia ha una maggior assonanza culturale e dove la presenza storica degli imprenditori italiani ha contribuito allo sviluppo del Paese stesso.

Il mercato “premium” in Brasile è disposto a pagare di più per un prodotto Made in Italy. Il prestigio e la qualità dei nostri manufatti è sempre un fattore di successo.

La quasi totalità delle esportazioni italiane verso il Brasile è composta da manufatti, soprattutto prodotti ad alto valore aggiunto come macchinari ed attrezzature, veicoli e ricambi auto e prodotti farmaceutici.

Nei primi sei mesi del 2018 le esportazioni di beni in Brasile hanno superato 1,9 miliardi di euro rispetto a 1,7 miliardi del gennaio 2017.

A fronte di una domanda crescente di prodotti italiani, però, gli incagli alla dogana possono essere tanti.

Molti imprenditori italiani  hanno visto infranti i loro sogni di successo: troppa burocrazia e dazi eccessivi.

Il Brasile è un paese protezionista. I livelli massimi delle aliquote stabilite dalla Wto per l’importazione dei prodotti industriali (35%) e dei prodotti agricoli (50%) sono un realtà consolidata.

Tuttavia, la media nazionale dei dazi in Brasile è del 13,5% e sicuramente vi saranno picchi settoriali che giustificano le perplessità di alcuni produttori italiani.

Gli imprenditori per avere successo e contenere i rischi di perdite finanziarie hanno la necessità di valutare, individuare e realizzare i propri programmi di espansione con estrema attenzione, mettendo in conto investimenti con una proiezione di ritorno nel lungo periodo.

L’attuale contesto politico ed economico brasiliano non offre un quadro di particolare stabilità né tantomeno di facili opportunità.

Una seria politica di introduzione nel mercato brasiliano non può prescindere dal considerare il mutato contesto, una particolare cautela e la consapevolezza di un clima di aumentata e diffusa insolvenza.

L’analisi più recente delle procedure di recupero crediti in Brasile mette in evidenza la gravità della situazione economica di molte società brasiliane: la percentuale di fatture commerciali insolute in Brasile sembra mantenersi stabile (43,6% nel 2017)

Quindi, seppur con le dovute cautele, si stima che anche nel corso del 2019 il numero delle aziende insolventi o che richiedono ristrutturazione giudiziaria sia destinato ad aumentare ulteriormente.

La maggior parte dei costruttori di automobili brasiliani sta riducendo drasticamente la quota di produzione locale a causa di un crollo delle vendite.

Ciò sta causando significativi problemi alle Aziende dell’indotto automobilistico che hanno diminuito il proprio rating creditizio.

Come funziona il recupero crediti in Brasile?

Nonostante il Brasile sia un Paese federale, i suoi 27 Stati applicano le stesse leggi e le stesse procedure giudiziarie. Proprio per questo motivo, in Brasile, i Tribunali competenti a trattare le procedure di recupero dei crediti sono i Tribunali dello Stato. 

Per molti anni il Brasile è stato un rifugio sicuro per molti debitori internazionali a causa della leggi poco cristalline che assicuravano una protezione molto estesa. Un creditore, per esempio, riusciva ad ottenere una sentenza definitiva in 15 anni senza poi riuscire ad escutere nulla.

cambiamenti del 2005 e del 2006 nel Codice di Procedura civile hanno introdotto strumenti giudiziari molto efficaci e favorevoli per i creditori. Alcuni di questi sono:

  • Esecuzione di un titolo stragiudiziale – che consente di bloccare i beni in presenza di riconoscimento di debito autenticato
  • Procedimento monitorio – intimazione a pagare entro 15 gg e utilizzabile in presenza di prova documentale
  • Procedura ordinaria di Riscossione Crediti – procedura più complessa a causa della necessità di fornire una prova dell’esistenza del credito, della sua esigibilità e del suo mancato pagamento

 

Per approfondimenti sul recupero crediti in Brasile, visita la pagina dedicata o contatta un nostro esperto.