IL LITIGATION FUNDING: UN’INTERESSANTE STRUMENTO PER GESTIRE I CONFLITTI SIA PER LE IMPRESE CHE PER LE PROCEDURE CONCORSUALI

Avviare un contenzioso legale o ancor peggio un arbitrato può avere costi talmente proibitivi da indurre le Imprese o le Procedure a rinunciare.

Per tale ragione, da alcuni anni, è nata l’attività di Third Party Funding che consiste nell’offrire un supporto finanziario e legale alle Aziende. Finanziare i costi della giustizia e le parcelle legali, assumere i rischi della causa e ottenere una remunerazione a successo: sono i 4 cardini della struttura del Litigation Funding.

Un Business ormai molto diffuso negli Stati Uniti, in Canada ed in Australia ma che si sta sviluppando molto rapidamente anche in Gran Bretagna, Germania e Svizzera.

L’Italia, vede protagonista la storica realtà del credit management INVENIUM, attraverso l’ausilio di un Fondo di Investimento Inglese ed un altro legato ad un family office Svizzero.

La nascita di un servizio come quello proposto da INVENIUM è legato alla crisi economica e alla successiva stretta creditizia degli ultimi dieci anni che ha provocato un aumento significativo delle insolvenze aziendali e delle procedure concorsuali. Ma la crisi ha colpito, seppur marginalmente anche le Aziende cosiddette “in bonis” che si trovano sovente a gestire un’aumentata litigiosità con una scarsa propensione però, ad investire nella giustizia. Di fatto si riduce la voglia di sostenere direttamente costi di cause sempre più complesse, dispendiose e dagli esiti incerti.

Ed in questo scenario profondamente mutato che INVENIUM ha colto un’occasione unica: assumere   – attraverso i Fondi – i costi legali di un contenzioso, in cambio del ritorno del capitale investito. È tuttavia importante tenere presente che il finanziamento erogato attraverso i Fondi non è un prestito e l’ammontare investito è, di fatto perso, se il contenzioso non produce il risultato sperato.

 

I Nostri Clienti sono Fondi di Private Equity e Imprese che non intendono dedicare risorse ai conteziosi e appesantire i budget legali ma anche Aziende in Fallimento o in Concordato impossibilitate ad avviare cause che si trovano nella necessità di procedere giudizialmente, per la salvaguardia o il ripristino del patrimonio.

 

Ma come si valuta un Dossier di Litigation Funding?

Si tratta di effettuare una vera e propria due diligence che ha come obiettivo finale l’analisi del rischio del finanziamento e il calcolo del ROI. Per arrivare ad avere un framework corretto ed un parametro definitivo è necessario basarsi su diversi elementi tra i quali: validità e valore del contenzioso, solidità e solvibilità delle controparti, lo stato di avanzamento della negoziazione o della causa ma anche la durata e l’investimento complessivamente stimato. E’ però solo attraverso l’esperienza giudiziale che si potrà correttamente valutare anche eventuali rischi e problematiche connessi al contenzioso.