Ottieni liquidità immediata da un credito vantato verso la Pubblica Amministrazione

Invenium lancia “Second chance PA” un servizio di cessione pro soluto verso controparti Pubbliche con DSO elevato

Quella dei ritardi nei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione è una questione sempre allarmante per l’economia reale del Paese.

Molte piccole e medie imprese che vincono appalti di fornitura con Comuni e Regioni riescono a vedere il frutto del proprio lavoro solo dopo mesi, spesso anni.

In Europa un’azienda su 4 fallisce a cause dei ritardi di pagamento.

Impresa tutt’altro che facile visto che nel nostro Paese la PA necessita in media di 100 giorni per saldare le proprie fatture, con picchi che possono essere nettamente superiori in alcune realtà territoriali.

Una cattiva abitudine che coinvolge quasi due amministrazioni su tre.

Incassare crediti dalla PA non è mai stato così semplice: Invenium , in quanto Arranger del progetto, acquista il tuo credito tramite la Cessione pro soluto verso controparti Pubbliche (Comuni, enti territoriali e funzionali, ministeri) con DSO elevato (8/12 mesi o più).

Quali sono i vantaggi?

  1. Incassi il credito in tempi rapidi e in un’unica soluzione, avendo subito liquidità
  2. Ottieni la cancellazione del credito dal bilancio e un miglioramento degli indicatori finanziari (rating dell’impresa)
  3. Non devi far fronte a spese legali per diffide, decreti ingiuntivi e ricorsi al TAR

Quali sono i requisiti?

  1. Nessuna preclusione d’importo
  2. Il credito non deve essere contestato, il problema è unicamente quello del ritardo di pagamento
  3. Il credito deve essere certificabile ma non certificato
  4. Il comune o l’ente pubblico debitore NON deve essere in dissesto

Nel 2018 sono state registrate oltre 28 milioni di fatture ricevute, e non respinte, dalle pubbliche amministrazioni, per un importo totale pari a 163,3 miliardi di euro, di cui 145 miliardi effettivamente liquidabili (ossia al netto della quota IVA e degli importi sospesi e non liquidabili).

La Piattaforma ha rilevato i pagamenti relativi a 22,1 milioni di fatture, per un importo pari a 128,3 miliardi di euro, che corrisponde a circa l’88,5% del totale (al netto della quota IVA e degli importi sospesi e non liquidabili).

I tempi medi ponderati occorsi per saldare, in tutto o in parte, queste fatture sono pari a 54 giorni.

Entrando nel dettaglio dei record negativi, i Comuni più lenti saldano dopo oltre 10 mesi, le Asl con le peggiori perfomance superano i 230 giorni nonostante un netto taglio dei ritardi di pagamento che nei casi migliori arriva ad un anno.

Tempi lunghi si registrano, anche, tra le Provincie dove in alcune situazioni si toccano i 543 giorni.

Si auspicava un generale miglioramento ma Ministeri come quello del Lavoro, Salute e Difesa, peggiorano nella loro performance.

Per questo motivo Invenium ha deciso di costruire una strategia efficiente, per tutte le società che far fronte ai ritardi dei pagamenti della Pubblica amministrazione.

 Invenium, inoltre, a fianco di questo progetto dedicato ai crediti PA più difficili, rimane attiva quale ADVISOR su progetti inerenti crediti certificati/certificabili di elevata qualità verso la PA.

Per conto di alcuni tra i primi Fondi di Investimento internazionali è disponibile a valutare ed acquisire:

  • Portafogli crediti recentemente scaduti;
  • Portafogli crediti deteriorati, in via giudiziale e vs le Procedure concorsuali;
  • Portafogli crediti o “Single Name” in cessione dalle Procedure Concorsuali;
  • Portafogli crediti già passati a perdita entro i 10 anni;
  • Crediti verso la Pubblica Amministrazione;
  • Crediti in contenzioso – con sentenza definitiva passata in giudicato – verso la Pubblica Amministrazione.

Per maggiori informazioni e per parlare con un esperto contattaci