Il Recupero crediti nel settore del franchising

Con un fatturato stimato pari a 152 miliardi, anche il settore del franchising fa i propri conti con le insolvenze globali.

In una situazione di mercato che ha penalizzato i negozi tradizionali, il sistema di affiliazione ha svolto un ruolo di traino del commercio sia in ambito nazionale che internazionale.

Nel 2016 la crescita nel mondo dell’affiliazione è stata del 2,7%; nel 2017 sono stati inaugurati oltre 1000 punti di vendita con una crescita del 3,2% rispetto all’anno precedente ed un fatturato di 148,6 miliardi di euro.

Nel 2018 le previsioni sono sempre più rosee, infatti si prevede un ulteriore aumento del 2,5% rispetto all’anno precedente, oltre 600 nuove aperture, 4 mila posti di lavoro ed un fatturato stimato pari a 152 miliardi.

Recupero crediti Franchising

Le catene in franchising hanno quindi saputo mettere mano alle proprie strategie organizzative e gestionali raggiungendo un buon livello di maturità che poco ha da invidiare a realtà più sofisticate e radicate come quelle in Francia, Regno Unito, Germania e soprattutto Stati Uniti.

L’ulteriore via da percorrere è quella della digitalizzazione e dell’omnicanalità “ma i nostri retailer fanno ancora fatica a declinare tali concetti nella realtà” sostiene Donato Iacovone, AD di Ey in Italia e Managing Partner dell’area Mediterranea.

L’altra via da seguire è quella dell’internazionalizzazione, sostiene il Dr. Mombelli, che circa 18 anni fa in un’intervista al Mondo raccontava che anche le catene si possono esportare pur con una serie di accortezze.

Il risultato, a distanza di 18 anni è che il processo di internazionalizzazione è in continuo sviluppo.

Le insegne italiane cercano nuovi spazi sulla scacchiera internazionale e, solo nel corso del 2018 si prevedono 240 aperture tra food, moda, accessori, arredamento e ottica.

I mercati scelti sono i più disparati: Qatar ed Emirati Arabi Uniti per Carpisa e Yamamay; Il food con le catene Rossopomodoro punta su Spagna, Portogallo, Brasile ed Oman.

Altri fast fashion si posizioneranno su Francia, Slovenia, Germania, Austria e Svizzera.

Illy caffè prevede in media un’apertura a settimana nel Nord America, in Arabia Saudita, in Malesia, ad Hong Kong.

Natuzzi ha il faro puntato su Stati Uniti e Gran Bretagna.

Le tensioni politiche naturalmente ridisegnano i piani di investimento con un rallentamento di interesse verso i paesi Arabi e l’Estremo Oriente.

Uno dei maggiori problemi che incontrano le imprese sprovviste di adeguate politiche di export credit risk management, riguarda la tutela del credito per il mancato o il ritardato incasso, con conseguenze pesantissime sulla gestione economica e finanziaria aziendale.

Il settore del franchising non è certo immune rispetto a tale problema; si verificano, infatti, sempre più frequentemente situazioni in cui gli affiliati si rendano inadempienti rispetto al pagamento delle royalties o del prezzo di acquisto dei beni ceduti dal franchisor.

Il recupero crediti in Europa:

Invenium predilige e consiglia, in via di principio, alla propria clientela un approccio di tipo extragiudiziale proprio per evitare le lungaggini ed i costi connessi ad un’attività legale.

A volte potrebbe essere conveniente affiancare l’attività extragiudiziale all’emissione di un European Payment Order (Ingiunzione di pagamento europeo), per rendere la nostra attività di recupero crediti ancora più efficace.

L’accodo stragiudiziale delle controversie proposto da Invenium ha come finalità l’individuazione di una soluzione “condivisa” tra le parti.

Il recupero crediti nei Paesi extra-Ue :

A causa delle difficoltà economiche a livello globale il tema del recupero crediti internazionale è divenuto cruciale.

Per un’Azienda export tentare di recuperare un credito, in un Paese extra Ue, senza avere un interlocutore legale in loco rappresenta un’impresa veramente ardua.

Invenium, con una presenza capillare a livello internazionale, oltre un centinaio i Paesi coperti e soprattutto con un track record di successi in vent’anni di attività, da quest’anno affianca anche le imprese nel settore del franchising nel recupero dei crediti con un approccio professionale.

 

Per maggiori informazioni e per parlare con un esperto contattaci