Il recupero crediti in Messico

Il Messico, opportunità di mercato e rischio di insolvenza: il Parere di un esperto. 

Oggi, per la rubrica Focus Paese, ci occupiamo del Messico, paese molto importante, in quanto attualmente rappresenta il secondo mercato di destinazione dell’export italiano in America Latina.

Per avere un quadro più preciso, ne parliamo con un esperto di diritto messicano, l’Avvocato Andrea Sopranzetti dello Studio Legale Cannizzo, Ortìz y Asociados di Città del Messico, fondato nel 1985 dall’ Avvocato Roberto Cannizzo, punto di riferimento nella pratica legale per le aziende italiane che operano in Messico, e Partner storico di Invenium per la locale attività di recupero dei crediti.

Qual è la situazione economica del Messico?

messico“Il Messico é un paese che negli ultimi decenni ha vissuto una notevole crescita economica ed una maggior solidità  sia dal punto di vista economico, che dal punto di vista istituzionale e politico. A cio’va aggiunta anche l’ubicazione geografica di assoluto privilegio, che fa del Messico un ponte tra gli Stati Uniti e l’America Latina, oltre al fatto non trascurabile che il Messico é la nazione che ha stipulato trattati di libero commercio con il maggior numero di paesi a livello mondiale.

Per quanto riguarda in particolare i rapporti con l’Italia, i due Paesi hanno firmato la Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire l’ evasione fiscale (Roma, 8 luglio 1991), e l’ Accordo per la promozione  e  la  protezione  reciproca  degli  investimenti  (Roma,  24  novembre 1999).”

Che cosa bisogna tenere in considerazione, se si pensa di fare affari in Messico? La prevenzione sui rischi di mancato pagamento innanzitutto….

“A differenze di quanto accade in Italia, in Messico non esistono misure cautelari come il decreto ingiuntivo, nè vi è l’ obbligo per le aziende locali di costituirsi con un capitale rilevante. Le stesse inoltre sono per legge ad autonomia patrimoniale perfetta, ossia con una netta distinzione tra il loro patrimonio e quello dei soci, ed i loro bilanci (salvo il caso delle società quotate in borsa) non sono pubblici.

Stante quanto sopra, la raccomandazione più importante per le aziende italiane che intendono vendere i loro prodotti in Messico è quella di tutelare in modo preventivo il loro credito, utilizzando gli strumenti legali riconosciuti dalla legge messicana. A titolo non esaustivo, si indicano i contratti di compravendita con riserva della proprietà (utilizzati principalmente nei casi di vendita di macchinari),  garanzie quali pegno, ipoteca, e pegno senza trasmissione del possesso, i titoli esecutivi quali assegni o cambiali, oppure le letters of credit od il pagamento di un congruo anticipo.”

Qualora ci fosse la necessità di recuperare un credito, qual è l’iter da seguire?

mexico“Le attività di recupero di un credito in Messico tengono conto degli elementi indicati nel paragrafo precedente. In particolare, la mancanza di informazioni certe sulla situazione patrimoniale dei debitori e l’ inesistenza di misure cautelari quali il decreto ingiuntivo, rendono preferibile iniziare da un tentativo di recupero stragiudiziale del credito.

Questo tipo di attività ha generalmente una durata massima di 60 giorni, e consiste nell’invio di un sollecito scritto ed in uno scambio di corrispondenza e di telefonate con il debitore, al fine di verificarne la disponibilità ad una soluzione amichevole della controversia.

Qualora il tentativo non andasse a buon fine, insieme al cliente si valuteranno opportunità, tempi e costi di un’azione legale, che in base alla legge messicana potrà essere di 2 tipi:

  • Ordinaria (“Juicio Ordinario Mercantil”), quando gli strumenti a supporto del credito sono rappresentati esclusivamente da fatture o da un contratto di compravendita
  • Esecutiva (“Juicio Ejecutivo Mercantil”), quando il credito è stato documentato da titoli esecutivi (cambiali od assegni).

Tra le due azioni legali sopra descritte, si preferisce quella esecutiva, in quanto ha generalmente una durata inferiore (in media 12/18 mesi contro i 24/30 dell’ azione ordinaria), e consente un sequestro immediato dei beni del debitore, ove ve ne fossero.

Va inoltre segnalato che è perfettamente valida la soggezione dei contratti ai tribunali italiani, ed il riconoscimento in Messico di sentenze emesse in Italia, mediante un’ apposita procedura di delibazione.”

Qual è, quindi,  il quadro generale del Paese?

“Come segnalato anche all’ inizio di questo articolo, il Messico è un Paese con il quale l’Italia ha attualmente un ottimo scambio commerciale e dove si investe con molta facilità, vista anche la flessibilità e poca onerosità degli strumenti di investimento previsti dalle leggi locali. Le recenti riforme nel settore energetico, hanno altresì aperto le porte ad importanti aziende italiane (su tutte Enel ed Eni), che negli ultimi anni hanno conquistato importanti fette di mercato messicano nei rispettivi settori di competenza.”

Per approfondire il tema sulla gestione e recupero di crediti insoluti in Messico, visita la pagina dedicata o contatta ora un esperto di Invenium.

scheda_messico